Genzano and his “Infiorata”

The “Infiorata” in Genzano (this year date on 16/17/18 June) is historically linked to the religious celebration of Corpus Christi. The origins of this festival date back to the thirteenth century when, on occasion of the processions, petals were scattered profusely.

In 1625, in the Vatican Basilica, began the tradition of decorating the floor of the church with flowers arranged in a mosaic. This custom spread in many catholic countries. Because of the width and slope of the uphill road which hosts the floral carpet, the one in Genzano is renowned for its beauty and scenography. Throughout the centuries this fest has grown from local folk festival to an international event of art and culture.

The festival, nowadays spread over two weeks, hosts several cultural events: concerts, exhibitions, theatrical performances, handcrafts stands, fashion shows.

infiorata genzano

Leggi tutto “Genzano and his “Infiorata””

BREAD AND ARTISTS

BREAD AND ARTISTS

Next weekend Albano and Genzano will give you a warm welcom with two events:

IN ALBANO, THE FESTIVAL OF STREET ARTISTS NAMED "BAIOCCO"

The name of the Festival in Albano "Baiocco or Bajocco" came from an ancient italian currency denomination largely used in Central Italy, especially in Latium. The origin of the name is uncertain. Its value was originally equivalent to a shilling; disappeared after  the unification of Italy (Wikipedia).

 

IN GENZANO, THE FESTIVAL OF THE BREAD

The traditional Festival of the homade bread of Genzano take place every year in September. The purpose of the Festival it's to promote a product more representative of its rich heritage of manufacturing and quality not only locally but also nationally.

The town of Genzano di Roma is in fact part of the National City Bread, and homade bread of Genzano was the first in Italy to be awarded the I.G.P. (Protected Geographical Indication) by the European Union.

During the Festival, visitors can enjoy the local products and guided tours of the Sforza-Cesarini Park, the Village, the ovens and the historical museum of "Infiorata".

At 5 p.m. on Sunday is planned the realization of "The longest Bruschetta in the world".

Enjoy!!

 

PANE E ARTISTI

Il prossimo fine settimana Albano e Genzano vi danno un caldo benvenuto con due eventi:

AD ALBANO IL FESTIVAL DEGLI ARTISTI DI STRADA "BAIOCCO"

Baiocco o Bajocco proviene da una antica moneta in uso specialmente nel centro Italia e soprattutto nel Lazio. L'origine del nome è incerto, valeva circa un soldo d'argento. Nel tempo ha assunto il significato di un soldo di poco valore (che di solito è quello che si offre agli artisti di strada o a chi chiede l'elemosina).

Viene ancora oggi spesso usato per affermare "Non ho un soldo".

 

A GENZANO LA FESTA DEL PANE CASARECCIO

La festa del pane casareccio di Genzano, che ha luogo ogni anno in settembre, si propone di promuovere uno dei prodotti tipici più buoni dei Castelli Romani.

La città di Genzano di Roma, infatti, fa parte dell'Associazione Nazionale Città del Pane e il suo pane casareccio è stato il primo in Italia ad essere insignito del marchio I.G.P, (Indicazione Geografica Protetta) dalla Comunità Europea.

Durante la festa, oltre a gustare i prodotti tipici locali come appunto il pane e la porchetta, potete godere di visite guidate al bellissimo Parco Sforza-Cesarini, al borgo medievale, ai forni e allo storico museo dell'Infiorata.

Alle 5 del pomeriggio di domenica è prevista la Bruschetta Più Lunga del Mondo.

Buon divertimento||

WOW!!

Wow! E’ l’unica parola che mi viene in mente per commentare l’Infiorata di Genzano 2011. Uno spettacolo folkloristico grandioso che, grazie alla ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia, ha superato se stesso.

Le solite decine di figuranti che indossavano abiti bellissimi e curati in ogni dettaglio hanno accompagnato lungo la processione sui fiori una bandiera d’Italia lunga 150 metri mentre gli altoparlanti diffondevano fortissime le note di “Va Pensiero”.

Poi, migliaia di persone – tante ce ne saranno state lungo tutto lo snodarsi dei quadri floreali e sulla piazza – hanno intonato l’inno d’Italia e ci sono stati tantissimi applausi per tutti coloro che hanno contribuito a questa magnifica rappresentazione.

Mi spiace non aver fatto neanche una foto perché non era previsto che io rimanessi lì, avevo solo portato quattro turiste inglesi ma poi, per ragioni logistiche e anche un po’ perché mi faceva piacere vedermela (diciamolo), sono rimasta, ma non avevo con me la videocamera.